La Givova comincia bene ma poi Latina si scatena sul parquet con uno stratosferico Arledge

Ancora un ko in trasferta. Perdicliizzi: una squadramentalmente debole

 

LATINA. Scafati resiste 30′ poi si stacca e lascia passare anche Latina.
Partita dai due volti al Pala Bianchini, con i padroni di casa senza Rullo e con Uglietti a mezzo servizio che stentano in avvio, si appigliano a uno stratosferico Arledge (26 alla fine per lui e doppia doppia) e sprintano nel finale. I campani, invece, cominciano bene, continuano inseguendo di pochi punti l’avversario e, alla fine, non riescono più a tenere il passo di un Latina scatenato. Scafati comincia bene (6-7 al 3′); poi Gramenzi comincia a far scaldare le mani della panchina (13-15 al 6′). È Poletti a riportare Latina sul -1, gara avvincente ed equilibrata con gli ospiti che riescono a scappare e il quarto che si chiude sul 19-20. Nel secondo quarto ancora Scafati a comandare. Neroazzurri che mettono la testa avanti al 14′ (30-27 prima e 35-29 poi). Latina esaurisce il bonus, Scafatine approfitta (35-34). Si chiude in parità al 20′. Nella ripresa 2′ senza canestri per entrambe le squadre poi De- Sliields incrementa il vantaggio di Latina (42-37). Fantoni e Johnson, però, sono sempre puntuali nel ricucire gli strappi. Si continua a segnare dalla lunetta con il 50% sui due lati del campo (51-45 al 29′). Nell’ultima azione fuga per la schiacciata di Alredge e 53-45. Ultimi 10′ in cui Scafati si stacca progressivamente. La partita perde di interesse già al 33′ (60-47) con i campani che sembrano annaspare. Invece Perdichizzi chiama time out, la Givova tenta la carta del tiro pesante e rientra in gara. Poletti mette la tripla del 63-52, l’antisportivo a Passera permette a Crow di accorciare (63-57), il pubblico è in visibilio quando Arledge che realizza dall’angolo la tripla del 69-59 a l’20” dalla sirena. I campani ci provano ma capiscono che la lucidità manca e la Benacquista con un bel gioco da tre punti (72-61 a 54”) chiude ogni discorso. Restano i tentativi finali di Pastore che non sortiscono effetti sperati. Si chiude sul 74-61 per Latina.
Deluso Perdichizzi: «Abbiamo giocato discretamente bene per tre quarti, poi ci siamo disuniti alle prime difficoltà. Non è un problema fisico, questa è uma squadra mentalmente debole, ha bisogno di quelle sicurezze, che mi auguro di avere dagli atleti che andremo ad inserire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: Il Mattino del 23 Gennaio 2017

Lascia un commento